La collezione “New Middle Ages”

Il collettivo torinese BATNA (Best Alternative To Nude Attitude) e il textile designer Paolo Gambertoglio

La collezione “The New Middle Ages” nasce dall’incontro tra il collettivo torinese BATNA e Paolo Gambertoglio. Sono capi p/e, 18 femminili e 8 maschili, tutti caratterizzati da un intarsio geometrico tra i tessuti stampati all-over e le stoffe tinta unita. Le linee, volutamente minimali, esaltano l’importanza delle stampe, mentre le trasparenze di voille e chiffon creano un elegante gioco di pieni e vuoti in capi che cadono morbidi ad avvolgere il corpo.

E’ definita da un forte sapore street, unica nel suo genere, sostenuta da una modellistica elegante e lineare, pulita e non eccessiva, in contrasto con le stampe decisamente aggressive ed esplicite. Ispirata alle collezioni di brand inglesi come KTZ, passando per la visionaria Vivienne Westwood, vuole raccontare attraverso la moda le tensioni sociali più profonde. Le suggestioni disegnano identità contemporanee, simboli del passato plasmati dalla teconologia, rielaborati in uno stile contemporaneo dal gusto street, geometrie definite miste a figure tribali, emblemi religiosi e carichi di valori che creano all-over unici. Bianco e nero, le tinte scelte per le stampe su materiali di prima qualità: seta, cotone, maglina, neoprene. Sia per la fase di stampa che per il confezionamento si è deciso di affidarsi ad aziende altamente qualificate che operano esclusivamente sul territorio italiano.